Come riconoscere il legno di ciliegio

scritto da Maria Morgese 9 marzo 2018
Come riconoscere il legno di ciliegio

Oggi vedremo come riconoscere il legno di ciliegio.

Il legno di ciliegio ha delle peculiarità che permettono di distinguerlo da altri tipi di legno.

Un bravo restauratore prima di iniziare il restauro di un mobile o prima di dare una propria valutazione,  deve saper riconoscere il tipo di legno.

Innanzitutto è bene precisare che in genere avremo a che fare con legni “trattati” il che vuol dire che a causa della levigazione, della lucidatura con cere, ed all'utilizzo di oli o vernici, la superficie risulterà diversa rispetto a quella che si trova in natura.

Ma come quali sono le caratteristiche principali del legno di ciliegio?

1) Innanzitutto appartiene alla famiglia dei legni duri. 2) Il colore del legno è rossiccio e abbastanza uniforme e tende ad ossidarsi facilmente diventando sempre più rosso e scuro. Inoltre, non c’è tantissima differenza tra il colore scuro della parte centrale dell’albero (il durame) e il colore chiaro della parte esterna (l’alburno).

3) Le venature del legno saranno legno di ciliegiodiverse a seconda di come è stato tagliato il tronco dell’albero. Avremo, quindi, principalmente due disegni. Se il tronco è stato tagliato con il taglio radiale o rigatino (orizzontale) abbiamo la venatura propriamente detta (quella a cerchi concentrici per intenderci) se con il taglio tangenziale (in verticale) abbiamo la venatura a fiamma. Di seguito 2 foto che sottolineano la differenza:

 

You may also like

Lascia un commento